Politici e elezioni, Voto libero e di partecipare attivamente alla democrazia, Voto per il cambiamento, On line referendum
left right close

Giulio Andreotti

> Italia > Politici > Giulio Andreotti
Giulio Andreotti è pronto per la tua opinione, il sostegno e la votazione. Vota on-line!
Indipendente
 
foto Giulio Andreotti

Giulio Andreotti - per

È stato un politico, scrittore e giornalista italiano. | Was an Italian centre-right politician, journalist and writer. Died in 2013.
 NO! Giulio Andreotti

Giulio Andreotti - contro

Click, se si non supportano Giulio Andreotti. Spiegare perché. | Click, if you do not support Giulio Andreotti. Say why.

I risultati delle elezioni in linea a prò "Giulio Andreotti" sul grafico

graph
Grafico online : Giulio Andreotti
Full functionality only if Javascript and Flash is enabled
ITA: Giulio Andreotti (Roma, 14 gennaio 1919 – Roma, 6 maggio 2013) è stato un politico, scrittore e giornalista italiano. È stato uno dei principali esponenti della Democrazia Cristiana, protagonista della vita politica italiana per tutta la seconda metà del XX secolo. Senatore a vita dal 1991, è stato il 16º, 19º e 28º Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana e ha ricoperto più volte numerosi incarichi di governo: sette volte Presidente del Consiglio (tra cui il governo di "solidarietà nazionale" durante il rapimento di Aldo Moro (1978-1979), con l'astensione del Partito Comunista Italiano, e il governo della "non-sfiducia" (1976-1977), con la prima donna-ministro, Tina Anselmi, al dicastero ...
per33contro   A mio parere Giulio Andreotti è piuttosto buono politico. Lui / lei ha il mio appoggio!, positive
per33contro   Io sono contro! Giulio Andreotti è una cattiva scelta. Non sono d'accordo con le sue opinioni politiche., negative
Attuale rapporto di preferenza
per Giulio Andreotti

Il Divo Giulio nel noir italiano della Prima Repubblica


Per chi conosce la storia della Dc, il partito-Stato architrave della Prima Repubblica, non esiste un personaggio con più sfaccettature di Giulio Andreotti, il sette volte presidente del Consiglio che per altro, della stessa Repubblica, è stato l’uomo simbolo, così come Silvio Berlusconi lo è diventato della Seconda. Ma Antonella Beccaria e Giacomo Pacini, autori della biografia Divo Giulio (Nutrimenti, 288 pagine, 14 euro) non sembrano molto interessati all’educazione curiale del giovane Andreotti, alla sua formazione iniziale al fianco di De Gasperi, ...


Caro Andreotti, caro Fellini l'amicizia tra due arcitaliani


ROMA -Nelle lettere inedite pubblicateda Rubbettino il regista lodavail politico. Il senatore gli era grato “per la solidarietà durante i guai giudiziari” Secondo Ettore Scola, che fece uno dei più bei film politici italiani, La terrazza, Fellini «fu il più politico, contro ogni apparenza, dei registi italiani». Eppure se pensiamo a lui oggi ci viene inesorabilmente in mente il maestro della Dolce vita, l’artista che inventò Mastroianni, e in un certo senso il moderno maschio metrosexuale tormentato,o al limite il corsivista feroce dei ...


Giulio vs Giulio. Cavalli racconta Andreotti


La scena è scarna: solo cinque praticabili, due leggii, pochissimi oggetti di scena ed un inginocchiatoio. È qui che Giulio Cavalli diventa indissolubilmente Andreotti; è qui che, camuffando di poco la voce, negherà ogni conoscenza dei cugini Salvo. È qui che giustificherà la sua assenza al funerale del generale Dalla Chiesa; ed è qui che pronuncerà la frase terribile rivolta ad Ambrosoli, definendolo una persona che la morte "se l'andava cercando". Giulio Cavalli, attore che gira protetto dalla scorta, e anche consigliere ...


[TOP 4]

> Giulio Andreotti > Notizie

Salvo, salvaci tu
Come aveva detto Matteo Renzi? «Per convincere gli amici a votare sì organizzate una pizza, una cena a casa vostra». Detto, fatto. Ieri sera in via della Camilluccia, il quartiere residenziale di Roma nord dove abita anche Gianni Letta, in casa sua cui fu stipulato il patto della crostata tra D'Alema e Berlusconi, ecco una [...]
Come si fa un Presidente
Cari lettori, quella che sta iniziando è una settimana decisiva per le sorti del nostro Paese; giovedì 18, infatti, inizieranno le votazioni per eleggere il successore di zì Giorgio, e il risultato dell'elezione condizionerà inevitabilmente la formazione del prossimo governo. I nomi probabili sono quelli che si leggono in questi giorni: Prodi, Amato, Marini, D'Alema, Finocchiaro, Bonino, Grasso... Ma ci chiederete voi: “Come si elegge un Presidente della Repubblica?” Sappiamo bene che con questa domanda voi non vi riferite tanto agli aspetti formali (maggioranza di 2/3 dei grandi elettori, ovvero tutti i parlamentari più tre delegati per ogni Regione,fino al terzo scrutinio, e maggioranza semplice a partire dal quarto), bensì a com'è possibile che, quasi magicamente, almeno 504 persone, a volte di parti politiche diverse e spesso in contrasto tra di loro, scrivano segretamente lo stesso nome, scegliend
IMU, IVA e schermaglie varie
Mamma che noia, cari lettori! Proprio così, non abbiamo certo detto “gioia”... È davvero un periodo noioso quello subito dopo l'insediamento di un nuovo governo: pochi movimenti loschi, un forzato stop alle trame di palazzo... e a noi non resta che fare una piatta cronaca degli eventi che già sono su tutti i giornali. Un vero calvario per una rubrica come questa, che nasce con l'idea di commentare, per un pubblico già abbastanza informato, ciò che in genere è nascosto nell'ombra. Riepilogando brevemente, sulle cose che ci riguardano più da vicino c'è innanzitutto da annotare che la prossima rata dell'IMU sarà davvero rimandata; con quali soldi lo Stato pagherà stipendi e servizi invece non è dato saperlo, ma visto che non interessa al Cavalier Banana, a quanto pare non interessa neanche al governo. E tra poco aumenta l'IVA... Prosit! Divertente è invec
Giulio Andreotti: elementi di ironia politica
  Così come molti si chiedono se il libro sia di chi lo ha scritto o di chi lo legge, così è per noi Giulio Andreotti; forse non era davvero ciò che è ne Il Divo, ma a noi piace interpretarlo così: come un uomo che era disposto a utilizzare ogni forma di male per perseguire ciò che per lui era il bene. Ma gli faremmo torto se non lo ricordassimo per quella che era la sua più importante caratteristica, insieme allo spietato e astuto ingegno politico: lo sferzante sarcasmo, con il quale ha colpito, nel corso del tempo, più di un avversario; come quando, nel 2006, commentando la mancata elezione a Presidente del Senato di Franco Marini a causa dei giochi di corrente nel centrosinistra e visto che molti grandi elettori avevano volutamente votato per Francesco Marini, sentenziò che vi erano stati molti “Franceschi tiratori”. Invece così commentò lo sciopero della fame di Franca R



 
italian prime minister giulio andreotti italiano, giulio andreotti biografija e altri...
load menu