Politici e elezioni, Voto libero e di partecipare attivamente alla democrazia, Voto per il cambiamento, On line referendum
left right

Dettagli Sciopero generale in Italia

> Italy > Eventi > Sciopero generale in Italia
 Sciopero generale in Italia  Sciopero generale in Italia
 Sciopero generale in Italia
L'astensione collettiva dal lavoro di lavoratori dipendenti allo scopo di rivendicare diritti. / Strike action by a critical mass of the labour force in a city, region, or country.
email

DESCRIZIONE DEL CANDIDATO: 

Sciopero generale in Italia

ITA: Per sciopero si intende l'astensione collettiva dal lavoro di lavoratori dipendenti allo scopo di rivendicare diritti, per motivi salariali, per protesta o per solidarietà.

Il salario o stipendio che viene detratto è proporzionale alla sospensione lavorativa.

Diversa è la serrata che è la chiusura temporanea, simmetrica allo sciopero, da parte del datore di lavoro dell'unita produttiva o esercizio commerciale; a differenza dello sciopero, la serrata non è prevista dalla Costituzione della Repubblica Italiana.

 

Il primo sciopero generale in Italia

Nel settembre del 1904 i lavoratori italiani, guidati dai socialisti rivoluzionari, sperimentano per la prima volta il sistema di lotta sociale propugnato in Francia da Georges Eugène Sorel: lo sciopero generale. In solidarietà per l'uccisione di 4 minatori sardi, durante una rivolta operaia, scoppiata per reclamare migliori condizioni lavorative e salari più alti, avvenuta il 4 settembre 1904, nelle miniere di Buggerru, da parte delle truppe inviate da Giolitti, per quattro giorni consecutivi ogni attività del paese rimane paralizzata: i giornali non escono, le fabbriche si fermano, i servizi pubblici non funzionano e a Venezia perfino i gondolieri incrociano le braccia. Giovanni Giolitti, capo del governo sin dal novembre 1903, ignorando le esortazioni dei conservatori ad usare le maniere forti, si astiene dall'intervenire, lasciando che siano le forze sociali in lotta (i padroni da una parte ed i lavoratori dall'altra) a risolvere i loro contrasti, secondo una linea di equilibrio che sarà determinata dai rapporti di forza esistenti fra le due parti. In tal modo egli attira su di sé le accuse di debolezza e, peggio, di vigliaccheria da parte dei proprietari (di quelli terrieri non meno che degli industriali), ma ottiene di riflesso un risultato di estrema importanza. Enrico Ferri, Enrico Leone e soprattutto Arturo Labriola e gli altri rivoluzionari sostenitori dello sciopero avevano fatto conto sulla reazione del potere costituito come pretesto per scatenare la violenza di piazza. Ora, di fronte all'atteggiamento neutrale della forza pubblica, sono sconcertati, incapaci di ricavare, in termini politici, un qualche vantaggio da un'iniziativa che pure ha avuto un grosso successo di partecipazione. L'arma dello sciopero generale, tanto paventata dalla borghesia e, in fondo, sgradita agli stessi socialisti moderati come Filippo Turati, si dimostra per quel che è: un'arma spuntata e sostanzialmente innocua, quando lo Stato sa stare al gioco. Non solo, ma tutto questo, mentre crea difficoltà agli estremisti, dà vigore all'ala riformista del partito socialista. Grazie all'equilibrio e all'intelligenza politica di uomini come Giolitti, si viene dunque radicando anche in Italia un sistema di più eque contrattazioni nelle controversie di lavoro, e l'epidemia di scioperi che si verificano in questo periodo è non solo indizio di maggiore libertà, ma chiaro sintomo del generale miglioramento nelle condizioni economiche del paese. I salari aumentano nelle campagne, il vitto è più abbondante, migliorano le condizioni igienico-sanitarie e quasi ovunque diminuisce sensibilmente l'indice di mortalità. Ma le cause vere della nuova prosperità sono altre: tra le tante, si possono citare la fine della guerra doganale con la Francia, l'espansione del movimento cooperativistico, l'emigrazione, vera valvola di scarico della sovrappopolazione e delle tensioni sociali che ne scaturiscono, e l'accresciuto utilizzo dell'energia elettrica.

 

Fonte

 

 

ENG: A general strike is a strike action by a critical mass of the labour force in a city, region, or country. While a general strike can be for political goals, economic goals, or both, it tends to gain its momentum from the ideological or class sympathies of the participants. It is also characterized by participation of workers in a multitude of workplaces, and tends to involve entire communities. The general strike has waxed and waned in popularity since the mid-19th century, and has characterized many historically important strikes.

 

Source

 

 

February 7,2012

icon Sciopero generale in Italia
icon Sciopero generale in Italia

ElectionsMeter non è responsabile per il contenuto del testo. Semper Si prega di fare riferimento all'autore. Ogni testo pubblicato sul ElectionsMeter dovrebbe includere nome originale dell'autore e il riferimento alla fonte originale. Gli utenti sono obbligati a seguire avviso di violazione del diritto d'autore. Si prega di leggere attentamente la politica del sito. Se il testo contiene un errore, informazioni inesatte, si vuole risolvere il problema, o addirittura che si desidera gestire completamente il contenuto del profilo, ti preghiamo di contattarci. in contatto con noi..

 
load menu