Politici e elezioni, Voto libero e di partecipare attivamente alla democrazia, Voto per il cambiamento, On line referendum
left right

Biografia Raffaele Lombardo

> Italy > Politici > Movimento per le Autonomie > Raffaele Lombardo
Raffaele Lombardo Raffaele Lombardo
Raffaele Lombardo
Un politico italiano. | An Italian politician.
email

DESCRIZIONE DEL CANDIDATO: 

Raffaele Lombardo Biografia

ITA:

 

Raffaele Lombardo (Catania, 29 ottobre 1950) è un politico italiano, presidente della Regione Siciliana dal 2008 al 2012. Fondatore e leader del Movimento per le Autonomie (segretario fino al 26 luglio 2012), è stato presidente della Provincia di Catania dal 2003 al 2008 e parlamentare europeo dal 1999 al 2008. È indagato per concorso esterno e per voto di scambio politico-mafioso presso la Procura della Repubblica di Catania per dei rapporti con alcuni esponenti di Cosa Nostra.

 

Carriera politica

Nella DC siciliana fa carriera all'ombra di Calogero Mannino, del quale viene considerato uno dei delfini, opposto alla corrente facente capo ad Antonino Drago. Il 17 dicembre 1994 per le vicende giudiziarie Lombardo lascia con due anni di anticipo l'Assemblea Regionale Siciliana. Prosciolto dalle accuse, è eletto nel 1998 vicesegretario del Centro Cristiano Democratico siciliano. Nell'estate 1997 fa il giro del mondo la notizia che Lombardo avrebbe acquistato in un'asta pubblica per una cifra irrisoria un archivio di libri e affini degli eredi di Giovanni Verga. Dopo varie polemiche sul perché sull'asta il Comune di Catania non abbia esercitato il diritto di prelazione, Lombardo dona tutto al Comune.

 

Alle elezioni politiche del 2006 si allea con la Lega Nord di Umberto Bossi, sancendo la nascita della lista il Patto per le Autonomie, che si schiera con la Casa delle libertà e Silvio Berlusconi, che nel programma di governo recepisce i punti programmatici per lo sviluppo del Sud del Paese. Ottiene sei deputati e un senatore. Alle elezioni politiche del 2008, alleato del Popolo della Libertà, ottiene otto deputati e due senatori, doppiando i voti ricevuti. Lombardo si dimette dalla Camera il 29 aprile 2008. Nel luglio 2012 si dimette da Segretario federale del Movimento per le Autonomie, al suo posto subentrano l'ex presidente della Regione Calabria Agazio Loiero (già coordinatore Nazionale del partito) e il senatore Giovanni Pistorio nominati dal Comitato Federale del Partito.

 

Presidenza della Provincia

È stato eletto presidente della provincia di Catania nel turno elettorale del 2003 (elezioni del 25 maggio), raccogliendo il 64,9% dei voti in rappresentanza di una coalizione di centrodestra. Nel novembre 2006 da una rilevazione de Il Sole 24 ore è risultato il Presidente di Provincia con il più alto indice di gradimento dei cittadini in Italia. Risultato confermato da una ricerca pubblicata nel dicembre 2007 (eseguita da Ekma Monitor su un campione nazionale di 180.000 intervistati), secondo cui Lombardo si posizionerebbe primo nella classifica di presidenti di Province più apprezzati in Italia, con un gradimento pari al 63,1%. Il 12 febbraio 2008 ha presentato le sue dimissioni da presidente. Lombardo è stato anche presidente dell'URPS, l'Unione delle Province siciliane.

 

Parlamento europeo

Lombardo è stato dal 1999 al 2008 deputato del Parlamento europeo. Eletto nel 2004 per la lista dell'UDC nella circoscrizione isole, dopo rinuncia di Salvatore Cuffaro (per incompatibilità con la carica già ricoperta di presidente della Regione Siciliana). Si è dimesso da questo incarico dopo l'elezione a presidente della Regione. Alle elezioni europee del 2009, il Movimento per le Autonomie si presenta alleato con La Destra di Francesco Storace e il Partito Pensionati di Carlo Fatuzzo e l'Alleanza di Centro di Francesco Pionati ma non raggiungono il quorum del 4% (2,2%). Lombardo riceve nella sola circoscrizione V (isole) più di 200.000 preferenza risultando il più votato della lista del Polo dell'Autonomia.

 

Presidenza della Regione

Il 24 febbraio 2008 ufficializza la sua candidatura alla presidenza della Regione Siciliana, sostenuto dal suo movimento, dal PDL e dall'UDC. Il giorno stesso dell'insediamento a Palazzo d'Orleans (28 aprile), un utente della rete, utilizzando eMule, scopre casualmente una cartella in formato ZIP, contenente una sorta di data base delle richieste di raccomandazione inviate a Lombardo o ai suoi collaboratori dell'MpA. Il 3 marzo 2009 un sondaggio della Ekma assegna a Lombardo il 68,3 per cento dei consensi, primo tra tutti i presidenti delle Regioni italiane, in crescita di 5 punti rispetto al precedente sondaggio del luglio 2008. Il primo anno del governo Lombardo è costellato da lotte e divisioni all'interno della maggioranza di centrodestra, tanto che il 25 maggio 2009 lo stesso Lombardo decide di azzerare gli incarichi di tutti gli assessori chiedendo le loro dimissioni.

  • Governo Lombardo quater

Nell'estate del 2010 il rapporto tra Raffaele Lombardo e Gianfranco Miccichè si deteriora. Quello che era il Pdl Sicilia si spacca in Futuro e Libertà per l'Italia (nuova formazione politica guidata a livello nazionale da Gianfranco Fini) e nel gruppo di ex Forza Italia che annunciano la nascita di un nuovo partito, Forza del Sud. Il 21 settembre 2010 viene presentato il quarto Governo della Presidenza Lombardo, composto esclusivamente da assessori tecnici e sostenuto da Mpa, Fli, Api, Pd e l'Udc di Casini (con la componente che fa capo a Totò Cuffaro e Saverio Romano all'opposizione, sotto il nome di Popolari per l'Italia di domani).

  • Le dimissioni

Il 31 luglio 2012 si dimette dinanzi l'Assemblea regionale siciliana dalla carica di presidente con alcuni mesi di anticipo rispetto alla scadenza naturale del mandato prevista per l'aprile 2013. Lombardo ha dichiarato all'Ars di essersi dimesso per affrontare meglio le vicende giudiziarie che lo vedono coinvolto (è accusato di Concorso esterno in associazione mafiosa) e per evitare il voto regionale in contemporanea con quello per il rinnovo del parlamento nazionale. Resta in carica per l'ordinaria amministrazione fino alla proclamazione del nuovo presidente, dopo le elezioni anticipate (previste dallo Statuto speciale entro tre mesi), svoltesi il 28 ottobre 2012, elezioni nelle quali non si è candidato.

 

Il 29 marzo 2012 il Giudice per le indagini preliminari di Catania Luigi Barone ha disposto l'imputazione coatta per il governatore siciliano riguardo all'accusa di concorso esterno in associazione di tipo mafioso, nell'ambito dell'inchiesta "Iblis". Il 18 maggio 2012, in seguito ai numerosi scandali, Lombardo annuncia le sue dimissioni da Presidente della Regione Siciliana previste per il 28 luglio dello stesso anno.

 

fonte

 

 

ENG:

 

Raffaele Lombardo (born on 29 October 1950 in Catania) is an Italian politician, former President of Sicily and former Member of the European Parliament for Islands with the Movement for Autonomies and has sat on the European Parliament's Committee on Civil Liberties, Justice and Home Affairs.

 

In 2005 he split off from the Union of Christian and Centre Democrats (UDC) to form the autonomist Sicilian-based Movement for Autonomy, after he had accused the UDC leadership of being too centralist. On 2008 he was elected as President of Sicily, obtaining over 65% of the regional votes and defeating Anna Finocchiaro of the Democratic Party. On 31 July 2012 he resigned from the presidency because he was under investigation for external contribution with mafia and pork-barrelling, as it appears that he had relationships with some figure of Cosa Nostra. Nevertheless in the following elections he managed to have his 23 years old son Toti elected in the Sicilian Regional Assembly.

 

Political career

  • 1986-1994: Member of the Sicilian Regional Assembly with Christian Democracy
  • 1991-1992: Assessor for Local Authorities of the Sicilian Regional Executive (resigned for enquiries)
  • 1999-2008: Member of the European Parliament with CCD
  • 2003-2008: President of the Province of Catania with UDC
  • 2008-2012: President of Sicily with MPA

 

source

February 9, 2010

updated: 2013-02-15

icon Raffaele Lombardo
icon Raffaele Lombardo

ElectionsMeter non è responsabile per il contenuto del testo. Semper Si prega di fare riferimento all'autore. Ogni testo pubblicato sul ElectionsMeter dovrebbe includere nome originale dell'autore e il riferimento alla fonte originale. Gli utenti sono obbligati a seguire avviso di violazione del diritto d'autore. Si prega di leggere attentamente la politica del sito. Se il testo contiene un errore, informazioni inesatte, si vuole risolvere il problema, o addirittura che si desidera gestire completamente il contenuto del profilo, ti preghiamo di contattarci. in contatto con noi..

 
load menu