Politici e elezioni, Voto libero e di partecipare attivamente alla democrazia, Voto per il cambiamento, On line referendum
left right

Biografia Pier Ferdinando Casini

> Italy > Politici > Unione dei Democratici Cristiani e di Centro > Pier Ferdinando Casini
Pier Ferdinando Casini Pier Ferdinando Casini
Pier Ferdinando Casini
Il presidente dell'Internazionale Democratica Centrista (IDC). | The President of the Centrist Democrat International.
email
email

DESCRIZIONE DEL CANDIDATO: 

Pier Ferdinando Casini Biografia

ITA:

 

Pier Ferdinando Casini (Bologna, 3 dicembre 1955) è un politico italiano. Nel corso della sua lunga carriera politica è stato Presidente della Camera dei deputati nella XIV Legislatura. Attualmente è il leader dell'UDC e dell'Unione di Centro, pur non ricoprendo cariche partitiche. Riveste anche il ruolo di Presidente onorario dell'Unione Interparlamentare e di presidente dell'Internazionale Democratica Centrista.

 

Carriera politica

Democrazia Cristiana

Dopo aver ottenuto nel 1979 la laurea in giurisprudenza, nel 1980 comincia la sua attività politica nella Democrazia Cristiana, come consigliere comunale a Bologna, fino all'elezione alla Camera dei deputati nel 1983. Prima delfino di Antonio Bisaglia, con la sua scomparsa divenne fra i più stretti discepoli di Arnaldo Forlani, che, dopo essere arrivato alla segreteria del partito, scelse il giovane e promettente Casini nella direzione nazionale.

 

CCD

Nel 1993, con l'inizio del periodo di rinnovamento della Democrazia Cristiana di Mino Martinazzoli, che risultava provata da una serie di scandali, dalle indagini di Mani pulite e aveva ottenuto delle sensibili perdite di consenso, insieme con Clemente Mastella, Casini prende posizioni non in linea con la politica del partito. Così sotto la guida di Mastella e Casini, mentre Martinazzoli fa nascere il Partito Popolare Italiano, in polemica con il partito fu fondato il 18 gennaio 1994 il Centro Cristiano Democratico (o CCD).

 

Viene eletto per la prima volta nel 1994 al Parlamento europeo e nella successiva legislatura del 1999, iscrivendosi al gruppo del Partito Popolare Europeo. Con la vittoria nella successiva legislatura della sua coalizione, il 31 maggio 2001 viene eletto Presidente della Camera dei deputati. Durante la sua presidenza, Marco Biagi gli scrive per comunicargli i suoi timori per non avere una scorta adeguata. Biagi verrà ucciso dalle Nuove Brigate Rosse il 19 marzo 2002.

 

UDC

Nel 2002 CCD e CDU, insieme con Democrazia Europea, si fondono nell'UDC. Il 19 ottobre 2005, è stato eletto Presidente dell'Unione Interparlamentare durante la centotreesima assemblea di Ginevra. Il 28 gennaio 2006 viene eletto presidente dell'Internazionale Democristiana (IDC) succedendo a José María Aznar. Nella campagna elettorale per le elezioni politiche del 2006, Casini si è posto in prima linea. Durante il III Congresso dell'UDC che si è svolto a Roma dal 13 al 15 aprile 2007 Casini ha chiesto esplicitamente ai delegati di consolidare la linea perseguita dal partito negli ultimi tempi.

 

Unione di Centro

In occasione delle elezioni parlamentari del 2008, Casini rompe definitivamente con la Casa delle Libertà di Berlusconi e dopo molti anni di difficile convivenza decide anticipatamente che il suo partito avrebbe fatto alleanze solo con la cosiddetta "Rosa Bianca", dall'unione con la quale nacque l'Unione di Centro. Casini viene candidato a premier ottenendo il 5,6% facendo eleggere 36 deputati e 3 senatori. Casini è eletto capogruppo dell'Unione di Centro alla Camera dei deputati, incarico che manterrà fino al 26 aprile 2012 quando gli subentra il vicecapogruppo vicario Gian Luca Galletti. Le elezioni europee e amministrative del giugno 2009 hanno confermato la dinamica crescente dell’Unione di Centro che continua a guadagnare un graduale e costante aumento di consensi. Fino alle amministrative del maggio 2012 che di fatto hanno sancito la fine del Terzo Polo di cui l'UDC era la costola più importante. Il 21 settembre 2012 è rieletto, all'unanimità, Presidente dell'Internazionale Democratica Cristiana.

 

Inchiesta ENAV

Nell'agosto 2011 Pier Ferdinando Casini viene accusato dall'imprenditore Tommaso Di Lernia perché avrebbe ricevuto per il tramite del tesoriere dell'UDC 200 000 euro da destinare allo stesso partito. L'imprenditore, indagato nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti Finmeccanica, afferma di averli consegnati al tesoriere del partito, Giuseppe Naro, poiché Pier Ferdinando Casini e Lorenzo Cesa (presidente dell'Unione di Centro) non sarebbero stati presenti a causa di impegni elettorali. La vicenda si inserisce nell'ambito di quella che viene definita dai mass media "la nuova Tangentopoli". Quest'ultima sta coinvolgendo, oltre al leader dell'UDC, altri nomi illustri della politica italiana. Nonostante un immediato e duro attacco da parte dei mass media (coevo all'intervento di Beppe Grillo, che in un comizio elettorale del 2012 a Budrio - rintracciabile sul suo blog - ha definito Casini: "questo Anthony Perkins delle vecchie mignotte"), il leader centrista non risulta indagato.

 

La posizione sulle coppie gay

Il leader dell'UDC da sempre si è opposto a qualsiasi riconoscimento di diritti alle coppie omosessuali. Nel luglio del 2012 con il riacutizzarsi del dibattito generale sul tema del matrimonio tra persone dello stesso sesso ha affermato che i matrimoni gay sono incivili. Ciò ha sollevato forti critiche da parte di alcune associazioni di militanti gay e di molti esponenti del centrosinistra italiano, tra cui Bersani.

 

fonte

 

 

ENG:

 

Pier Ferdinando Casini (Bologna, 3 December 1955) is an Italian politician.

 

Biography

President of the Italian Chamber of Deputies from 2001 to 2006. Casini is currently Honorary President of the Inter-Parliamentary Union (IPU), Co-President of the Christian Democratic International (with Vicente Fox), and majority faction leader of the Union of the Centre (UDC).Graduated with a degree in Law, he was first elected in 1983 for the Christian Democracy party. In 1993, he was amongst the founders of the Christian Democratic Centre (CCD), which merged into UDC in 2002. In 2001, after Berlusconi's victory in the general election, Casini was chosen by the newly-formed parliament as President of the Chamber of Deputies (the Italian lower house of parliament). Up to 2006, with his Union of Christian and Centre Democrats, he was widely regarded as one of the primary members of the House of Freedoms, and sometimes spoken of as a possible successor to Berlusconi himself as leader of the coalition. However, as the campaign for the 2008 Italian elections began, Casini officially detached himself from Berlusconi, refusing to enter his 'People of Freedom' (PdL, name of the new party built on the House of Freedoms coalition), preferring to run alone. In a speech to his UDC party, Casini said that "not everyone is for sale", in a not so veiled statement about Berlusconi's political tactics. Casini ran on a purely 'centrist' platform, founding the new Union of the Centre party along with Savino Pezzotta's Rosa Bianca, and negotiating with other centre parties such as the UDEUR of Clemente Mastella. After 2008, he remained in opposition. At the 2009 Administrative elections, alliances were decided on a local bases, sometimes with Berlusconi PdL,and sometimes with the center-left Democratic Party.

 

Personal

After his divorce from Roberta Lubich (mother of his two daughters, Maria Carolina and Benedetta), he started dating and eventually moved in with Azzurra Caltagirone, daughter of the famous Roman entrepreneur and publisher Francesco Gaetano Caltagirone. Later they would have a daughter and married on 27 October 2007.

 

source

14th November 09

updated: 2013-02-19

icon Pier Ferdinando Casini
icon Pier Ferdinando Casini
icon Pier Ferdinando Casini
icon Pier Ferdinando Casini
icon Pier Ferdinando Casini
icon Pier Ferdinando Casini

ElectionsMeter non è responsabile per il contenuto del testo. Semper Si prega di fare riferimento all'autore. Ogni testo pubblicato sul ElectionsMeter dovrebbe includere nome originale dell'autore e il riferimento alla fonte originale. Gli utenti sono obbligati a seguire avviso di violazione del diritto d'autore. Si prega di leggere attentamente la politica del sito. Se il testo contiene un errore, informazioni inesatte, si vuole risolvere il problema, o addirittura che si desidera gestire completamente il contenuto del profilo, ti preghiamo di contattarci. in contatto con noi..

 
load menu