Politici e elezioni, Voto libero e di partecipare attivamente alla democrazia, Voto per il cambiamento, On line referendum
left right

Biografia Francesco Rutelli

> Italy > Politici > Francesco Rutelli
Francesco Rutelli Francesco Rutelli
Francesco Rutelli
Un politico italiano. Il attuale presidente di Alleanza per l'Italia. | An Italian politician, the current president of the Apl.
email

DESCRIZIONE DEL CANDIDATO: 

Francesco Rutelli Biografia

ITA: 

 

Francesco Rutelli (Roma, 14 giugno 1954) è un politico italiano. Ha ricoperto le cariche di Ministro per i beni e le attività culturali e di Vicepresidente del Consiglio nel governo Prodi II, mentre è co-fondatore e co-presidente (assieme a François Bayrou) del Partito Democratico Europeo (PDE) presso il Parlamento europeo. È stato segretario e parlamentare per il Partito Radicale dal 1983 al 1990. Ha quindi fondato i Verdi Arcobaleno ed è stato eletto capogruppo alla Camera dei Verdi nel 1992. È stato eletto sindaco di Roma nel 1993 e nel 1997 e ha ricoperto la carica fino al gennaio 2001. Infine è stato presidente nazionale e leader del partito politico "La Margherita" dal 2001 al 2007, ossia dall'anno della sua fondazione fino allo scioglimento nel Partito Democratico. È stato ricandidato sindaco di Roma per il centrosinistra nel 2008, sconfitto al secondo turno da Gianni Alemanno. Eletto senatore alle elezioni del 2008, il 31 ottobre 2009 ha annunciato ufficialmente l'uscita dal Partito Democratico. Attualmente è leader del partito politico Alleanza per l'Italia.

 

Nato a Roma il 14 giugno 1954 da genitori d'origini toscane. Sposato con la giornalista Barbara Palombelli (con rito civile, 1982; con rito religioso, 1995) da cui ha avuto quattro figli. Studia presso il Liceo Classico Massimo, gestito dai gesuiti, per poi passare al Liceo statale Socrate, dove consegue la maturità classica. Si iscrive alla Facoltà di Architettura dell'Università La Sapienza.

 

Attività politica

  • Segretario del Partito Radicale (1980 - 1981)
  • Sindaco di Roma (8 dicembre 1993 – 8 gennaio 2001)
  • Presidente federale di Democrazia è Libertà - La Margherita (24 marzo 2002 – 14 ottobre 2007)
  • Ministro dei Beni Culturali della Repubblica Italiana (17 maggio 2006 – 8 maggio 2008)
  • Vicepresidente del Consiglio dei Ministri Durata mandato (17 maggio 2006 – 8 maggio 2008)
  • Presidente del COPASIR (5 maggio 2008 – 25 gennaio 2010)
  • Presidente di Alleanza per l'Italia (Inizio mandato - 11 novembre 2009)

 

L'abbandono del Pd e la nascita di Alleanza per l'Italia

Da sempre critico nei confronti di un Pd a suo dire sbilanciato a sinistra, Francesco Rutelli aveva annunciato che se dal congresso fosse uscito vincitore Bersani, allora avrebbe dovuto immaginare "una nuova strada per sé e per i moderati del Pd". Il 27 ottobre 2009 abbandona ufficialmente il Partito Democratico, avviando il progetto di un nuovo partito moderato e riformista che entri nella Costituente di Centro di Pier Ferdinando Casini. L'11 novembre 2009 Rutelli fonda con Bruno Tabacci, Lorenzo Dellai, Linda Lanzillotta, Gianni Vernetti, Claudio Gustavino e altri il movimento Alleanza per l'Italia. Il Movimento si presenta col proprio simbolo in diverse regioni italiane in occasione delle elezioni regionali 2010.

 

Dal 14 luglio 2011 la componente Api e la componente Fli del Gruppo Misto del Senato si fondono per dare vita ad un gruppo autonomo denominato Per il Terzo Polo (ApI,FLI). Rutelli è nominato nuovo capogruppo affiancato da Candido De Angelis di Fli nel ruolo di vice presidente vicario. Alla fine del 2012, l'Api lascia il terzo polo per ricongiungersi al centrosinistra, nelle cui elezioni primarie per la premiership si candida il cofondatore Bruno Tabacci. Il 19 gennaio 2013, Rutelli annuncia che non si candiderà alle elezioni politiche italiane del 2013.

 

fonte

 

 

ENG:

 

Francesco Rutelli, MP (born 14 June 1954) is an Italian politician and current President of Alliance for Italy. He is a member of the Italian Senate, elected with the Democratic Party in 2008. He also chairs the "Centro per un Futuro Sostenibile" (Centre for a Sustainable Future – a bipartisan think tank on climate change and environmental issues). He is co-president of the European Democratic Party, a centrist European political party, today counting approximately 20 MEPs. He has been Mayor of Rome 1994–2001, and president of the centrist party Democracy is Freedom – The Daisy 2002–2007. He was the Minister of Culture and Tourism in the second cabinet of Prime Minister Romano Prodi 2006–2008. In 2008 Rutelli ran unsuccessfully for a new term as Mayor of Rome after the resignation of Walter Veltroni.

 

Born in Rome, he entered politics joining the Radical Party, for which he was then elected secretary in 1980, aged 26. With the Radicals, Rutelli championed humanitarian and libertarian policies such as unilateral disarmament, abolition of nuclear power plants, conscientiuos objection to the compulsory National Service, eradication of world hunger, decriminalisation of the use of cannabis. At those times the political action of the Italian Radicals was self-defined as inspired by the Gandhian non-violent movement.

 

Political career

First elected as deputy in 1983, confirming his office in 1987 and 1992, he then joined the Federation of the Greens in the late 1980s, becoming one of the party's leading figures, and embracing environmental campaigns.

 

He was then chosen as Ministry of Environment and Urban Areas in 1993, although he resigned after one day in the post. That same year, he was first elected Mayor of Rome as centre-left coalition candidate, defeating centre-right candidate Gianfranco Fini. Being reelected in 1997, with more than 60% of votes, Rutelli held the position until 2001.

 

He also served as European Deputy from 1999 to 2004. There he's been committed to promote initiatives for the abolition of death penalty, freedom of information improvement and against corruption. From the mid-1990s onwards his views appeared increasingly moderate.

 

Rutelli he was defeated by Silvio Berlusconi in the 2001 general election as Prime Minister candidate for the centre-left Olive Tree coalition. He was also one of the founders of the Democrats, which became part of Democracy is Freedom – The Daisy. Rutelli led the party until it merged into the Democratic Party on 14 October 2007.

 

In 2006 he was named Minister of Welfare and Cultural Activities in the of cabinet of Romano Prodi during Prodi's second term as Italian Prime Minister. In February 2008 he announced his intention to run again as mayor of Rome leading a local centre-left coalition, but lost the local elections on 28 April 2008 against centre-right Gianni Alemanno.

 

In October 2009 he announced his intention to leave the Democratic Party. After leaving the Democratic Party, he co-founded the Alliance for Italy (ApI), a centrist, liberal party which ran joint lists with the Union of the Centre (UdC) in most regions in the regional elections of March 2010. In December 2010, the ApI became a founding member of the new centre-right formation New Pole for Italy, and Rutelli became one of the new group's main leaders, along with UdC leader Pier Ferdinando Casini and Gianfranco Fini, the leader of the Future and Freedom party and former leader of the post-fascist Italian Social Movement and the national-conservative National Alliance. The New Pole for Italy was dissolved some time in 2012.

 

source

March 8, 2012

updated: 2013-02-12

icon Francesco Rutelli
icon Francesco Rutelli

ElectionsMeter non è responsabile per il contenuto del testo. Semper Si prega di fare riferimento all'autore. Ogni testo pubblicato sul ElectionsMeter dovrebbe includere nome originale dell'autore e il riferimento alla fonte originale. Gli utenti sono obbligati a seguire avviso di violazione del diritto d'autore. Si prega di leggere attentamente la politica del sito. Se il testo contiene un errore, informazioni inesatte, si vuole risolvere il problema, o addirittura che si desidera gestire completamente il contenuto del profilo, ti preghiamo di contattarci. in contatto con noi..

 
load menu